Condotte riparatorie non più applicabile allo stalking

Del reato di stalking ne abbiamo già parlato (leggi l’articolo), così come della nuova causa di estinzione del reato per condotte riparatorie introdotta nel con la legge 103/2017 entrata in vigore nel mese di agosto 2017 (leggi l’articolo). Proprio sul combinato disposto dei due articoli avevo riportato  varie perplessità per l’applicazione della condotta riparatoria, quale causa di estinzione del reato, per quanto riguardava lo stalking anche alla luce della ormai nota sentenza del Tribunale di Torino. 

Oggi, 06 dicembre 2017 mediante la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (GU Serie Generale n.284 del 05-12-2017) è entrata in vigore la Legge n. 172/2017 recante oltre alle disposizioni urgenti in materia finanziaria, anche la modifica alla disciplina del reato per condotte riparatorie.

Testo normativo.

L’art. 1 comma 2 e 3 della Legge n. 172/2017  recita:

All’art. 162 ter del codice penale è aggiunto, in fine, il seguente comma:”le disposizioni del presente articolo non si applicano nei casi di cui all’articolo 612-bis”.

La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Osservazioni.

Ricordo che l’articolo 162 ter c.p. prevede che “il giudice dichiara estinto il reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l’imputato ha riparato interamente, entro il termine massimo della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, il danno cagionato dal reato, mediante le restituzioni o il risarcimento, e ha eliminato, ove possibile, le conseguenze dannose o pericolose del reato.

Come potete osservare, la nuova previsione normativa, è alquanto specifica e, al netto di eventuali eccezioni di incostituzionalità che potranno essere sollevate, non modifica in alcun modo l’impianto della riforma Orlando. Pertanto restano comunque tutte le perplessità sollevate sulle discriminazioni che può sollevare nel caso concreto la nuova forma di estinzione del reato per condotte riparatorie. 

Conclusioni.

Ora la domanda sorge spontanea. Alla luce dell’entrata in vigore della Legge n. 172/2017 Come si comporterà lo Stato nei confronti della ragazza vittima di stalking a Torino dove il giudice in piena autonomia e soprattutto agendo secondo la legge ha ritenuto congruo il risarcimento di € 1.500,00 euro e conseguentemente ha estinto il reato?

Articoli correlati “Analizziamo il principio di diritto affermato dalla Cassazione in relazione alla tenuità del fatto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei dati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CLOSE